Paura

Questa paura è un male leggero

da gustarsi in silenzio,

gambe accavallate

ma cuore a mille

Duemila volte l’ho provata,

mai così Paura,

di P immensa, come il padre di tutti gli dei

L’inferno è preludio al paradiso:

ma quasi sempre le mani,

in preghiera di abbondanza di coscienza,

mi chiedono un voto.

Voto che non posso oggi fare:

Sarei traditrice pulsante

Amare non è toccare il fondo,

ma elevarsi.

Mitruccodipoesia