Il colore degli indaco

Il colore degli indaco

Continuo su questa strada

Corrono tante parole

I versi sono trascinanti

Più difficile trascinar le menti

Le menti non sono tutte uguali

L’ontogenesi ricapitola la filogenesi

Ma è un ricapitolare non identico

I più assomigliano a pesci sguazzanti nel mare Altri agli anfibi…tra le acque e la terra

I rettili son pochi… si accontentano di un raggio di sole

Gli uccelli somigliano a quei pochi disinteressati di tutto

sorvolano la terra certi di esser eletti

Dei mammiferi neanche l’ombra… Le cure parenterali…la lotta del branco, Il dono di un seno per un orfano del gruppo

L’ontogenesi è fallita

Mi toccherà volare…

MITRUCCODIPOESIA ©

Il colore degli indaco

Il colore degli indaco

Continuo su questa strada

Corrono tante parole

I versi sono trascinanti

Più difficile trascinar le menti

Le menti non sono tutte uguali

L’ontogenesi ricapitola la filogenesi

Ma è un ricapitolare non identico

I più assomigliano a pesci sguazzanti nel mare Altri agli anfibi…tra le acque e la terra

I rettili son pochi… si accontentano di un raggio di sole

Gli uccelli somigliano a quei pochi disinteressati di tutto

sorvolano la terra certi di esser eletti

Dei mammiferi neanche l’ombra… Le cure parenterali…la lotta del branco, Il dono di un seno per un orfano del gruppo

L’ontogenesi è fallita

Mi toccherà volare…

La finestra

Di altezza in altezza,

si gela a volte il pensiero

Demone che non sa ascoltare

il mio pianto,

eppur resta in attesa

di furibonda ira.

Sorrido della serra con i fiori,

dei miei figli scalzi imbrattati di terra,

e scordo le pochezze che mi hanno

fatta salire fin qui,

Siamo stati tra i primi

ad esser tartassati,

quando ci indicavano piccoli indaco.

Eppure ci hanno invidiati della nostra

leggerezza,

che con poco li feriva e ne coglieva i sensi.

Adesso si vola,

con semplici cose.

Mentre l’avaro si crogiola,

attendendo lo squarcio ed il tonfo,

che non arriva,

per la grazia del SOLE che ci illumina.