L’ambiguità

L’ambiguità si struttura tra avidità
e bruttezza di forme; fuori è dentro, dentro è fuori.

Inutile mimetizzarla di colori,
sfumarne i contorni;
le radici del male arrivano agli occhi dei disillusi.
Siamo cresciuti troppo in fretta e ci portiamo migliaia di anni sulle spalle .

Trema nella penombra il tuo riso
sardonico; di questo penoso spettacolo di vita oggi mi è rimasto
solo un contrappeso,
che scarico per non infliggerti altro dolore
di non essere MAI abbastanza

Si mimetizza il cuore indaco
nel ventre dell’inganno,
ma mai vorrebbe assomigliarti.

Mitruccodipoesia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.