Pochezze e maledizioni

Ci si può ammalare
delle croci che si portano addosso,
senza che si intraveda,
volutamente ed in silenzio.
Timore è il riflesso degli altri,poiché mai compresa è la pena\nse non vissuta in similitudine\

I piccoli screzi,
diventan, per chi non ha provato il baratro,
motivo di smisurate reazioni

Ecco che un sorriso ci illumina il viso,
per la pochezza di fronte al grande buio;

E frainteso,
il nostro sorriso senza malizia,
detiene il record di maledizioni dagli altri

“Che il destino ti ripaghi del torto subito ”
sembrano urlare gli oppressori

E masticando una caramella all’anice
ce ne andiamo incontro alla vera guerra …

E. M copyright

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.