Tra il nero ed il sole

Chi sono? – si chiede l’altra –

Il dono dell’abbondanza,

e non bastano più lo smeriglio sulle unghie, passanti che cercano parole di conforto.

Questa doppiezza di sole e di grigio che mi uccide, come un soldato perennemente in guerra, al quale non sia concessa quiete, se non all’alba, nella sospensione da guerriglia

Però, fortunata di essere in amore, mi rifugio nel blu cobalto dei pensieri più audaci, e li carico in spalla come una Dea

Perché Divino è il luogo che mi rende libera, per poco, da questa doppiezza di vita.

Respiro il suono di chi vuole sole amore :altri hanno detto basta alla mia cura, portandomi dolore amaro.

Chi la saccheggia ne ha triplicato il valore :mi inonda il suo respiro di malinconico affanno, scoperta di possesso, dentro i suoi sospiri di’identità ritrovata.

Con te mi sto ritrovando mentre ti scopro.. Tra il nero ed il sole

E. M

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.