Il sonno interdetto

Il sonno della signora

Dormiva la signora, dissacrante sulle sue stesse pene. Improvvisa si risvegliava “nel mal comune mezzo gaudio “; a cercar conforto nelle ferite altrui .Non guardò mai oltre i miei occhi di sottobosco, anzi mi pregò di bendarli.Temeva forse che essi vedessero i mostri, celati dietro le sue fessure.

E.M

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.