Ricorsi e putrescenza

Del rosso svolto per cupidigia,
ne farò nuvole di cartapesta.
Dell’ebbrezza suffumigi violacei,
eruttanti dai vertici dei loro crani.
Quando la sera, una vorticosa
tempesta di sabbia, coprirà senza esitazione le membra
dissuase dal luccichio delle stelle,
sarà troppo tardi per rinnegarsi
Ma almeno la tempesta avrà sciolto
viziosi canti
E fino allo sfinimento sarò lì,
impassibile tra gli abiti di scena
E sciami di mosche, saranno mie compagne,
tra la putrescenza.
E. M

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.