Schiava della vaghezza

Se fossi stata apoetica,
avrei infarcito di roselline un canestro di vimini per il mio sposo
, confetti e ghirlande speziate al suo altare,
e mani dipinte di hennè
sotto un candido velo.

Ma poichè la poesia mi è vicina,
posso solo donare un mutuo assenso
al perdurare della mia assenza dal mondo.

Non m’importa essere compresa.
Mi basta camminare in vaghezza;
certa che nessuno potrà
mai cambiarmi.

E.M copyright

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.